Digital Marketer TOOLS

I Tools di Marketing indispensabili per un Digital Marketer che lavora in remoto.

Lavori nel marketing digitale in remoto o in smart working?

I tools indispensabili per il tuo lavoro di digital marketer.

Se ami Internet e probabilmente hai esperienza di marketing, allora forse è il momento di pensare di lavorare come un marketer digitale. Se è il tuo sogno è trovare un lavoro che ti consenta di viaggiare per il mondo, optare per lavori di marketing digitale a distanza o in smart working questo post fa al caso tuo.

I lavori di marketing digitale da freelance ti consentono di lavorare facilmente da un coffee bar, a casa o ovunque tu voglia, basta una connessione abbastanza veloce.

Per te un elenco dettagliato dei migliori strumenti di marketing digitale che ti consigliamo per aiutarti a raggiungere, agire, coinvolgere e convertire i tuoi clienti target.

Avere il set giusto di tools per gestire dati, contenuti nel marketing digitale è essenziale! Senza quelli giusti, non sarai in grado di creare una strategia per raggiungere i clienti target, analizzarli e convertirli. Per stare al passo con i concorrenti avrai necessità di intuire i percorsi dei clienti, le abitudini, ottimizzare il tasso di conversione e tenere sotto controllo molte altre dimensioni e metriche.

Tools suddivisi per Canale.

  1. Ottimizzazione dei motori di ricerca: ricerca organica
  2. Ricerca a pagamento: AdWords
  3. Analytics
  4. Social Media Marketing (PR e influencer)
  5. Email Marketing / Marketing Automazione
  6. Content Marketing

L’obiettivo di Web Communication Tools è fornire un elenco nella moltitudine di strumenti disponibili che siano funzionali per ogni Canale di Marketing e che se utilizzati correttamente, possono aiutarti a ottimizzare l’efficacia delle tue azioni.

Ottimizzazione dei motori di ricerca: ricerca organica (SEO)

Ci sono molti strumenti premium gratuiti e a pagamento disponibili per aiutarti a migliorare e guidare i tuoi risultati nella SEO. È fondamentale considerare sia le tecniche SEO on-page che off-page per ottimizzare il tuo sito nelle serp. Abbiamo classificato 4 tipologie di Tools SEO:

  1. Analisi delle parole chiave
  2. Verifica del rank
  3. Site crawling
  4. Analisi del backlink

Per ottimizzare completamente il tuo SEO, devi tenere in considerazione tutti gli aspetti della SEO e disporre degli strumenti giusti per ottimizzare e targetizzare in modo efficiente il tuo sito.

Analisi delle parole chiave e analisi degli intenti di ricerca

  1. Google Keyword Planner: Lo Strumento di pianificazione delle parole chiave in Google Ads è fondamentale. Questo ottimo strumento ti consente di vedere il volume di ricerca mensile medio per le parole chiave del tuo paniere ed il relativo tasso di competizione / costo.
  2. Google Trends: un buon strumento per comprendere i contenuti stagionali ed i trends. Ha una visualizzazione dei dati in un modo più visivo e presenta risultati molto più semplici di Keyword Planner. Mostra interesse per le parole chiave e le query di ricerca, ma non ti fornisce il numero esatto di ricerche. Vale sicuramente la pena di usarlo come strumento di pianificazione e consultazione da integrare poi con Keyword Planner.
  3. SEMrush: uno strumento gratuito o a pagamento con caratteristiche come la visualizzazione delle keywords usate dai tui competitors, il posizionamento delle parole chiave e la pagina di destinazione per ciascuna di esse. Questo strumento offre una visione approfondita della ricerca per parole chiave, fase fondamentale nella pianificazione della strategia SEO.
  4. Keywordtool.io – la versione gratuita ti consente di visualizzare oltre 750 parole chiave a coda lunga per ciascun termine su Google. Tuttavia, se si desidera cercare parole chiave su Youtube, Bing, Amazon, Ebay e App Store, è necessario un abbonamento Pro. Ciò sarebbe vantaggioso per le aziende di e-commerce che desiderano conoscere il volume di ricerca per i prodotti.

Controllo di Rank

  1. Google Search Console: fa molto più del controllo del rank! Questo ti dà una visione del tuo sito dal punto di vista di classificazione keywords, impression, click, e andamento nel tempo. Controlla l’aspetto della ricerca e il rendimento delle pagine meglio indicizzate, nonché i link al tuo sito e gli errori di scansione.
  2. Tracker di Moz Pro Rank – Moz Pro tiene traccia dei dati di classifica selezionati nel tempo per vedere quali azioni stanno producendo il massimo impatto e ti permette di pianificare report automatici per rimanere informato sulle variazioni. E’ uno degli strumenti più autorevoli e usati anche se molto costoso. Gestisce i principali motori di ricerca, Google, Yahoo! e Bing.
  3. Advanced Web Tracking (AWR): consente di visualizzare le classifiche quotidianamente, settimanalmente o su richiesta. È possibile accedere ai report da qualsiasi dispositivo. Tuttavia, offre anche una miriade di altri servizi utili come la localizzazione, API per sviluppatori e anche l’esposizione ai social media.

Scansione del sito

  1. Google Search Console – il primo strumento da avere sotto mano per poter inziare qualsiasi lavoro SEO.
  2. Screamingfrog – Non solo screaming frog esegue la scansione per i link non funzionanti (404) ma offre anche una funzionalità di scansione SEO chiamata SEO spider. Questo esegue la scansione di collegamenti a siti Web, immagini, CSS e script da una prospettiva SEO e fornisce report su come le tue pagine sono ottimizzate per il SEO.
  3. Yoast – un plugin WordPress molto utile e GRATUITO (o freemium) che analizza la pagina o il post, ed offre report istantanei sulla densità delle parole chiave, attributi alt, titoli SEO e Meta descrizioni , ecc. Non può garantire il ranking, in quanto non influisce in alcun modo sugli algoritmi dei motori di ricerca, ma fornisce una buona stima di come è strutturato il contenuto nella sua interezza in funzione della tua parola chiave (con la versione a pagamento è possibile usare più keywords, e quindi più utile anche per l’LSI).

Analisi del backlink

  1. Buzzsumo – Non disponibile nella sua versione gratuita, il tracker per backlink ti consente di identificare chi si collega ai tuoi concorrenti e analizzare i loro backlink più condivisi. Con Buzzumo puoi anche vedere la tua quota social per ogni URL, i tuoi contenuti più condivisi su social e trovare influencer.
  2. Majestic Backlink – Questo è un ottimo strumento premium (forse il migliore). Consente ai marketer di vedere il numero di backlink che il loro sito ha per i loro domini, sottodomini e anche singoli URL. Crea vere e proprie campagne che ti permettono di tenere sotto controllo l’andamento dei backlink.Inoltre ha molti strumenti analitici specifici per la link building.

Molti strumenti ora offrono più di un servizio: scoprirai che ognuno di essi ha il proprio USP, acquistarli tutti in molti casi, specialmente per un freelance o un marketer non è consigliabile, mentre vale la pena di costruirti un tuo paniere in modo da avere una visione completa e a 360 gradi dell’andamento delle tue campagne e assicurarti che il tui siti siano completamente ottimizzato per i motori di ricerca.

 

Ricerca a pagamento: GOOGLE ADS

Troviamo che tutto ciò di cui hai bisogno per Google Ads è già incluso in Google Ads, dallo strumento per la pianificazione delle parole chiave a quello per la rete display, passando per i suggerimenti, hai tutte le funzionalità necessarie per costruire campagne di ogni dimensione e budget. Potresti scegliere come target parole chiave a pagamento per le quali non vuoi / non puoi essere classificato organicamente, oppure scegliere long tail keywords a basso costo o qualsiasi altra strategia, con Google Ads hai a disposizione una miriade di strumenti, controlli, dimensioni e metriche che ti consentono di creare, ottimizzare e gestire una campagna pubblicitaria per il piccolo commerciante, cosi come per la multinazionale.
Tuttavia, esistono strumenti che ti possono essere utili, fornendoti una visione diversa:

  1. WordStream – Il loro cruscotto delle prestazioni calcola tutte le metriche chiave di Google Ads, Bing Ads e persino degli account Facebook, per semplificare la visualizzazione dei dati degli annunci a pagamento. Questo è ottimo per il benchmarking delle proprie percentuali di rendimento tra i canali digitali.
  2. SEMRush: anche in questo caso offre strumenti di analisi per la ricerca a pagamento dei competitors. Fornisce informazioni essenziali per competere in mercati saturi o ad alta competitività. Puoi trovare idee, spunti interessanti per ottimizzare Campagne, gruppi di annunci e annunci.
  3. BidCops: si tratta di uno strumento gratuito che estrae i dati di Google AdWords in un unico report facile da seguire. Offre anche un controllo AdWords gratuito, che mostra le parole chiave che stanno sprecando budget e trova le migliori parole chiave nelle tue campagne per massimizzare il traffico e le conversioni. Da provare.

Analytics

Avere la giusta quantità di strumenti di analisi è fondamentale: un buon strumento di analisi ti fornirà tutti i dati che devi sapere sulle campagne che stai eseguendo, i progetti e altre metriche chiave per le prestazioni a tutto tondo della tua azienda. Possono anche fornire preziose informazioni sui modelli di comportamento dei clienti.

  1. Google Analytics: scoprirai che, a meno che le aziende non utilizzino strumenti analitici a pagamento come Adobe, Google Analytics è il miglior sistema di analisi digitale per siti ed ecommerce. Le possibilità sono enormi, ed è fortemente customizzabile anche grazie all’uso delle API e degli script. Esiste la versione premium, ma ha un costo di circa  150.000 euro all’anno.
  2. Kissmetrics: consente il monitoraggio delle conversioni segmentate, il reporting sui singoli utenti registrati e le semplici opzioni di retargeting tramite banner promozionali.

Sociale, PR e influencer

Questo è un elenco di strumenti di qualità o fornitori di software che offrono funzionalità avanzate di social media e ascolto della rete, tra gli altri USP.

Pubblicazione di social media

  1. Buffer: utilizziamo Buffer su Smart Insights in quanto ci consente di pianificare i post su LinkedIn, Twitter, Facebook, Pinterest, Google+ e Instagram. Ha una funzione per la maggior parte dei contenuti popolari che ti permette di “rebuffer” e condividere di nuovo.
  2. IFTTT: questo strumento di automazione ti consente di connettere insieme i tuoi account sui social media. Ad esempio, pubblicare una foto sul tuo Instagram significherà che IFTTT pubblicherà automaticamente l’immagine nativa sul tuo Twitter, o Facebook, a seconda di come l’hai impostata. È ottimo per mantenere allineati tutti i tuoi contenuti su vari canali.
  3. Tweetdeck: è ottimo per il monitoraggio di hashtag. Se non vuoi pagare per i software di pianificazione dei social media come Buffer o Hootsuite, Tweetdeck ti permette anche di programmare manualmente in Tweets (Facebook ha già la funzione di pianificazione) ma è bello avere uno strumento che pianifica l’uscita dei post su tutti i tuoi canali sociali disponibili.

Ascolto dei social media

  1. Buzzsumo (offerto anche come estensione Chrome) – Buzzsumo è ottimo per vedere le condivisioni sociali delle singole pagine. Ora, abbiamo scoperto che le quote sociali più elevate non equivalgono necessariamente a un maggiore traffico o coinvolgimento in quanto a molte persone piacerà e condivideranno i post senza leggerli immediatamente o affatto, ma è un ottimo strumento gratuito che ti dà un’idea approssimativa di come il tuo post viene pubblicato sui social media. Tuttavia, se stai cercando approfondimenti sociali più avanzati, dispone anche di un abbonamento a pagamento che consente, il monitoraggio e le segnalazioni sociali, la ricerca sull’Industy e gli influencer chiave, l’analisi del contenuto e l’analisi dei backlink (come detto in precedenza).
  2. TalkWalker: si tratta di uno strumento di avvisi gratuito che consente di trovare facilmente nuove opportunità di link, ad esempio se si impostano avvisi per il proprio nome o parola chiave, si otterrà un elenco di post che menzionano il proprio marchio e / o parole chiave. Sicuramente rimarrai sopreso nel vedere la quantità di persone che ti menzionino ma non ti collegano.
    Dopo aver completato l’identificazione di un elenco di questi post, puoi contattare gli autori per richiedere un link diretto, oppure prendere le dovute misure. Puoi tracciare menzioni su Twitter, blog e discussioni.
  3. Social Mention – Molto simile a TalkWalker Alerts, Social Mention è uno strumento di ascolto multimediale che mostra approfondimenti su frasi / discussioni sul web. Il brand di monitoraggio indica la portata, la forza e la passione che gli utenti hanno con i nomi dei marchi. Mostra anche l’analisi del sentiment, cioè se gli utenti ti citano con frasi a sentimento positivo o negativo. Un’altra caratteristica interessante include quali altre parole chiave sono usate nelle discussioni in cui è citato il tuo marchio.

Strumenti di PR e influencer

  1. Onalytica – Onalytica è specializzata nella fornitura di software Influencer Relationship Management e nel supporto di servizi professionali per aiutare i marchi a scalare i risultati della gestione delle relazioni dell’influencer 1 a 1. Aiuta a configurare i programmi di influenza personalizzati per automatizzare e razionalizzare meglio le attività di influenza e identificare le opportunità di coinvolgimento in corso.
  2. FollowerWonk – Di proprietà di Moz, questo è un ottimo strumento per trovare persone altamente influenti nel vostro settore. Puoi cercare le parole chiave e fa apparire un risultato delle persone che hanno quella parola chiave nella loro biografia, il loro numero di follower e quanto sono influenti. Tuttavia, questo strumento funziona solo con gli influencer di Twitter.
  3. Brand24 – Brand24 è un’applicazione di monitoraggio online semplice. Utilizza Brand24 per identificare e analizzare conversazioni online relative a marchi, prodotti e concorrenti. Brand24 offre una soluzione affidabile, facile da usare e conveniente che ti consente sia di monitorare e coinvolgere le conversazioni online relative alla tua attività. Offrono anche una visione del punteggio dell’influencer per aiutarti a identificare le persone con l’influenza più sociale.
  4. Mention Me – Questo software alimenta i programmi di riferimento dei principali rivenditori in tutto il mondo. Il software di riferimento funziona con due soli tag javascript e funziona con molte piattaforme di e-commerce e tag manager, quindi il tuo schema di riferimento personalizzato può essere installato e funzionare rapidamente. Oltre a 16 opzioni di condivisione social, il loro software consente anche la loro unica funzionalità “share by name”. I test AB sono di serie.

Gestione del marketing dei contenuti

  1. WordPress: un sistema di gestione dei contenuti gratuito e open source basato su PHP e MySQL. Questo è un ottimo sistema di gestione dei contenuti per costruire il tuo sito. Semplice, veloce, economico, il cms più usato al mondo, è cosinderato un must per piccole imprese e per grandi multinazionali.
  2. Smartling – La piattaforma di gestione della traduzione di Smartling è una soluzione end-to-end per la traduzione di contenuti digitali progettata per semplificare e ottimizzare la traduzione, eliminando il 90% dei processi manuali e dei costi associati alla localizzazione. La tecnologia avanzata di Smartling centralizza il contenuto globale nel cloud e si integra perfettamente con qualsiasi stack tecnologico per fornire visibilità attraverso un ambiente di lavoro centralizzato e implementare flussi di lavoro flessibili che consentano l’efficienza del team e garantendo accuratezza nella traduzione.
  3. Trello – Trello è facile e semplice da usare e rende l’organizzazione dei contenuti molto più efficiente. Abbiamo elenchi per diversi contenuti nelle campagne marketing, che assegniamo ai membri del team interno per ricordare loro il contenuto da scrivere. È un ottimo modo per organizzare e distribuire contenuti ai membri del team e tenere traccia delle idee.
  4. Estensione per il calendario WordPress: uno strumento molto piccolo che può fare una grande differenza per gestire le tue strategie di content marketing. Il plug-in di calendario di WordPress consente di vedere quali contenuti sono pianificati, in che giorno, a che ora,  e spostarli rapidamente.
  5. Episerver – gestione dei contenuti per pubblicare e modificare pagine Web e creare esperienze desktop e mobili. Uno strumento diffuso tra i settori B2B e B2C, inclusa la vendita al dettaglio.

Strumenti di automazione del marketing

  1. GetResponse – GetResponse offre e-mail marketing, webinar, creazione di landing page e automazione del marketing. I loro servizi di email marketing consentono alle aziende di configurare auto-responder, analisi avanzate, test di a / b e moduli. Puoi anche pianificare e costruire percorsi individuali dei clienti attraverso la loro automazione del marketing, con la segmentazione dell’automazione, l’abbandono del carrello e il monitoraggio degli eventi Web.
  2. DataBowl: funzionante come piattaforma di gestione dei dati autonoma o facilmente integrabile con il sistemi esistenti, DataBowl genera, esegue e automatizza le campagne di marketing B2C dal concepimento fino al completamento. Garantire il monitoraggio internazionale on-demand di accuratezza, qualità e prestazioni, oltre all’eradicazione di dati fraudolenti.
  3. Segmetify – Segmentify è uno strumento di ottimizzazione delle conversioni SaaS che aiuta i siti Web di e-commerce e contenuti a incrementare le vendite e / o le pagine viste facendo raccomandazioni e personalizzazioni intelligenti con soluzioni analitiche predittive in tempo reale facili da utilizzare.
  4. Communigator: la funzionalità della piattaforma principale di CommuniGator si rivolge all’e-mail marketing con serie di benvenuto automatizzate, un editor HTML per la progettazione di e-mail, modelli, design reattivo, gruppi dinamici, integrazione con le principali piattaforme CRM e così via. Dal punto di vista dell’automazione del marketing, monitorano l’attività di prospezione attraverso le pagine Web che visitate e il contenuto della posta elettronica con cui interagiscono.

Altri strumenti includono Act On, MailChimp, Constant Contact, ecc. Ci sono molti provider di servizi di posta elettronica e servizi di automazione del marketing tra cui scegliere, quindi è fondamentale sceglierne uno adatto alle tue esigenze e allo sviluppo del tuo sito.

Strumenti UX e approfondimenti di pagina

Assicurarti che le tue pagine / il tuo sito siano accessibili e offri un’esperienza utente chiara e veloce è essenziale per mantenere il pubblico sul tuo sito e farlo navigare. Google ha annunciato che prenderà in considerazione Page Speed durante l’indicizzazione delle pagine mobili, quindi è fondamentale avere una pagina completamente ottimizzata che carica velocemente, non solo per UX, ma per il ranking di ricerca.

 

  1. PageSpeed Insights – questo è un semplice strumento fornito da Google che mostra la velocità della pagina del tuo sito / URL (e dei tuoi concorrenti) – se è lenta, offre anche informazioni su come migliorare la velocità della tua pagina.
  2. Test My Site – Think with Google – Un altro strumento di Google per aiutarti a confrontare la velocità della tua pagina sui dispositivi mobili. Controlla UX per la velocità di connessione (3G), controlla HTML e CSS, capacità mobile e analizza siti simili ai tuoi. Offre un rapporto completo e gratuito.
  3. WhatUsersDo: questa piattaforma ti consente di testare il tuo sito Web con utenti reali che si connettono da remoto. Gli utenti registrano il loro schermo e l’audio, in modo da poterti restituire l’esperienza completa. Se dai loro istruzioni dettagliate su cosa mettere a fuoco, uno user test insomma, potrai utilizzare questo strumento di taggatura per raccogliere informazioni dagli output video. È una ricerca veloce e mirata che fornisce informazioni uniche per un’analisi di user experience.

Strumenti di personalizzazione e Conversion Rate Optimization (CRO)

  1. Adobe Target. Questo è uno dei motori di personalizzazione più affermati che si è evoluto dall’originale Touch Clarity nel 2004 e poi integrato nella suite di analisi Omniture come Test e Target
  2. Google Optimize. E’ disponibile gratuitamente per effettuare A/B test, con diverse funzionalità di personalizzazione. La versione 360 molto più completa è ovviamente a pagamento.

Post Correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: