Seo Per Wordpress

Seo per WordPress, i Segreti per scalare le serp

Hai un sito web in wordpress o un blog e non riesci a ottenere traffico organico?

In breve e in maniera non complessa ti indicheremo come fare ad scalare le serp e indicizzare al meglio wordpress.

 

Partiamo dall’inizio, la seo non è matematica, è in continua evoluzione e devi sempre tenere conto degli aggiornamenti di Google. Detto questo, non seguire falsi miti che ti promettono le stelle, devi lavorare su te, il tuo team e successivamente dedicarti al blog.

  1. Blog tematico o generalista.

Se il tuo blog è tematico, quindi si occupa di una nicchia di mercato, sarà più semplice migliorare il tuo ranking ed il posizionamento. Se invece il tuo blog è generalista sarà molto più complesso e i frutti del tuo lavoro possono impiegare anni perchè il blog inizi ad ottenere visibilità sui motori di ricerca. Ma non è un problema, tu sei un esperto del tuo settore, quindi sarai in grado di fare tutto quello che ti suggeriremo.

2. Inizia dall’architettura dei contenuti.

Scegli con attenzione come distribuire i contenuti all’interno del blog o del sito web. E’ importante che la user experience sia ottimale, quindi concentrati bene su come hai strutturato la navigazione.
Se hai un blog, ed è suddiviso aree tematica, identifica le keywords migliori per i titoli e la descrizione delle stesse.
Con Yoast seo, la plugin più utilizzata per la seo su wordpress, puoi scrivere titoli, meta description, e introduzione per ogni categoria.
Attenzione a non inserire il solito post in più categorie senza usare l’attributo rel Canonical, che indica a Google quale è il contenuto di riferimento da tenere in considerazione ed evita la penalizzazione per contenuti duplicati.
Se hai un sito web e quindi le sezioni principali non contengono articoli, ma pagine, fai molta attenzione a non esagerare con profondità. Ricordati che i contenuti devono essere più vicini possibile alla root, sia per indicizzazione che per user experience.

3. Il contenuto dei tuoi post in WordPress.

Il contenuto è il cuore della seo per wordpress, devi scrivere testi per gli utenti e non per i motori di ricerca, quindi non esagerare con le keywords o rischi una penalizzazione.
Scrivi su un foglio 5 keywords che caratterizzano il target per cui stai scrivendo e verifica la loro qualità in termini di impression con lo strumento di Google adwords, Keyword Planner.
Una volta identificate le parole chiave ricordati che l’intelligenza artificiale di google considera anche i plurali, sinonimi e flessioni.
Cattura l’attenzione del tuo pubblico cercando di ingaggiarlo, attraverso informazioni ricche di dettagli e memorabili. Non c’è miglior calamita di un post ricco di informazioni utili. Usa Jetpack, nota plugin, per integrare i post con i social, e dare la possibilità agli utenti di effettuare condivisioni. Jetpack inoltre ti permette di integrare il blog in wordpress con wordpress.com. Questo ti permette di veicolare il tuo valore anche su questa piattaforma aumentando le possibilità di essere seguiti e linkati.
Ricordati di creare Titoli unici e con almeno una keyword e la meta description efficace dal punto di vista della call to action.

4) le immagini e la seo per WordPress

Le immagini devono essere leggere ma comunicative. Vale più un immagine di 100 parole a volte. Di conseguenza fai scouting e arricchisci il tuo contenuto con infografiche, foto, video, e altri contenuti visuali. Ricordati di nominare le immagini con le keywords o long tail keywords che hai scelto. Usa l’attributo alt, e la descrizione. Usa Wp Smush per ottimizzare le immagini di tutto il blog o sito web in modo da renderle leggere anche per i dispositivi mobile.

5) Le url in wordpress

Le url sono molto importanti, devono essere parlanti ed efficaci. Se quelle generate da WordPress non ti soddisfano, riscrivile a mano.
In Yoast Seo Plugin, sezione advanced => Permalink, abilita la rimozione delle stop words in modo da avere già come base url pulite.

6) Rendi trust il tuo blog

Crea una pagina chi siamo, e descrivi bene questo contenuto che deve avere almeno 600 parole. Crea un footer credibile, con Nome del brand, Luogo, email di riferimento, telefono e altre informazioni utili agli utenti per identificarti e ai motori di ricerca. Se sul tuo sito ci sono più blogger o copywriter che scrivono devono creare un profilo dettagliato con foto attraverso gravatar. Crea una pagina dedicata ai loro profili.

7) La velocità come elemento di ranking.

Molte volte vengono usati temi di wordpress pesanti, con molti css e javascript che rendono il sito lento e poco appetibile dal punto di vista delle visualizzazioni specialmente da mobile. Devi ottimizzare wordpress affinchè sia veloce ed il tempo di caricamento delle pagine rimanga sotto i 2 secondi da rete 3G (google utilizza questa come termine di paragone per la velocità) Se hai uno sviluppatore, fagli ottimizzare il tema, altrimenti usa le plugin. Ti consiglio  Autoptimze per javascript e css. W3 Total Cache per migliorare le perfomance. Quest’ultimo è un sistema di caching che ti permette di ottimizzare molto la velocità di wordpress. Se sei un utente poco esperto segui le indicazioni offerte dal plugin, abilitando la cache di pagina, la cache del browser e la cache del database. Quando le attivi, W3 Total Cache riconosce se ci sono sistemi avanzati di caching altrimenti seleziona la scrittura sul disco.

Ti spiegheremo questa tecnica che nessuno o quasi conosce.

Per gli utenti esperti invece è possibile utilizzare il plugin al massimo insieme a cloudflare. Registrati a cloud flare e portaci il tuo dominio. Abilita la cache di cloudflare, e l’https flexible. (l’https è anchesso elemento di ranking) Crea un sottodominio ad esempio static.tuosito.it, e fallo puntare al tuosito.it attraverso pannello di controllo cpanel, apache o nginx. A questo punto vai in W3 Total cache nella sezione “general setting”, scorri fino ad arrivare a CND, abilita e seleziona “generic mirror” dal menu a tendina.
Successivamente vai nella sezione apposita CDN, seleziona tutti i flag della prima parte. Poi quando arrivi in “Configuration:object” per ssl support seleziona “enable always use ssl” e sotto (la cosa più importante) inserisci il tuo static.miosito.it in “Replace site’s hostname with:” Fai un test con l’apposito pulsante e salva.

In alto della pagina comparirà un tasto ” modify attacment url” cliccaci. Si apre un popup. Clicca su start.

A questo punto le tue risorse statiche saranno caricate dal sito mirror aumentando cosi il parallelismo, e la velocità di carimento.

8) Sfrutta gli aggregatori di notizie e news

Aumenta le visite al tuo sito iscrivendolo a sito come Paperblog italia. Ti verrà chiesto il tuo feed, che puoi trovare in nometuosito.it/feed/
In questo le notizie che pubblichi verranno rindodate su questa piattaforma aumentando la tua influenza e attirando nuovi visitatori.

9) Link building

Cerca di attrarre quanti più link naturali possibile, attraverso la qualità dei contenuti. Tecnica conosciuta anche come Link Baiting.

Fai conoscenza con altri blogger e cerca di farti scrivere articoli rilevanti sui tuoi post. Usa le digital PR per aumentare la tua reputazione online. Non usare keywords a pagamento, cioè quelle per cui vuoi essere indicizzato come ancore, ma semplicemente il nome del tuo blog in wordpress.

10) Usa google search console e analytics

Per monitora l’andamento del sito sia dal punto di vista delle visite che della loro frequenza di rimbalzo per capire se i tuoi contenuti sono di qualità ed in target. Nella search console invece puoi vedere l’andamento del tuo sito nelle serp, i link in ingresso e molto altro. Sfrutta questi software per valutare che modifiche apportare al tuo blog wordpress, e crea una strategia per a lungo termine con degli obiettivi ed eventi per valutare l’effettivo rendimento.

Puoi creare anche obiettivi semplici come per esempio la durata di una visita.

11) Se hai notizie o informazioni usa AMP

Amp è il nuovo formato di pagina molto apprezzato da Google. Con Amp le pagine sono velocissime da caricare, ed anche le connessioni lente possono accedere semplicemente al contenuto. Su WordPress puoi usare 2 plugin che abbiamo testato a fondo. Installa prima AMP for WordPress By Automattic, poi Yoast GLUE.
In questo modo avrai anche tu post brandizzati, veloci e meglio indicizzati da google.

Se hai trovato interessante questo post faccelo sapere, condividilo e linkalo. Sfrutta tutti i consigli che ti abbiamo fornito.

Post Correlati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: