Seo Per Banche e Assicurazioni

SEO per banche e assicurazioni – come migliorare il posizonamento

Secondo le ultime statistiche, più dell’80% degli utenti inizia la propria navigazione con una ricerca.

E’ dunque essenziale per banche e assicurazioni essere posizionati correttamente sui motori di ricerca in modo da avere più probabilità di essere scelti tra le molte offerte presenti sul mercato.

La seo per istituti bancari o assicurazioni si differenzia sostanzialmente dalla seo comune per diversi fattori. Una cosa che le accomuna è la semantica costruttiva dell’html, cioè l’uso di titoli h1, sottotitoli, e l’uso corretto della meta description e del meta title.

Le schede prodotto dei prodotti, seo on site.

Le schede tecniche dei prodotti devono essere più complete possibile, ad esempio se parliamo di conto corrente devono essere riportate le caratteristiche, i costi e i relativi vantaggi economici come il canone mensile, le spese per l’imposta di bollo, quali operazioni sono a costo zero e quali sono a pagamento, il canone della carta di debito o di credito, il costo di apertura e di chiusura, la percentuale di interessi, e la sicurezza ecc.

Informazioni esaustive sono per i motori di ricerca un segnale di autorità, inoltre una descrizione dettagliata del prodotto è indispensabile all’utente che si accinge ad acquistare, evita l’abbandono e diminuisce la frequenza di rimbalzo.

Anche le immagini sono importanti, ne dovremmo avere una per il capitolo e diverse per ogni paragrafo con il relativo alt.

L’architettura dei contenuti

In molti casi i prodotti possono essere molti, come quelli assicurativi. Per questo è necessario creare una gerarchia architetturale, che parta da una pagina generica per poi entrare nel merito del prodotto specifico.
In questi casi i contenuti devono essere curati e va prestata molta attenzione a non incappare in penalizzazione da contenuti duplicati.
Capita spesso di vedere prodotti indirizzati a target differenti ma con alcuni paragrafi ripetuti. Ogni frase deve essere diversa da pagina a pagina.
Se la solita pagina si trova in più sezioni del sito per motivi logici e strategici è importante usare l’attributo “canonical” per indirizzare i motori di ricerca verso il contenuto principale da indicizzare, evitando una penalizzazione.

L’analisi delle keywords per i contenuti

Sui siti bancari o assicurativi non c’è molto spazio per l’immaginazione, certe decisioni a livello di parole da inserire sono dettate dai legal, e di conseguenza non si può intervenire modificando keywords, o aggiungendo testo a caso. E’ importante analizzare i competitors delle prime pagine, per capire quali termini hanno utilizzato nei contenuti. Con buona probabilità google riconosce alcuni di essi come assimilabili alla keyword per cui il sito è posizionato. Su queste tematiche si può spaziare molto, ma la sostanza è questa, google come tutti i motori di ricerca che hanno un intelligenza artificiale evoluta, classificano parole, frasi, concetti e pagine per identificare un argomento, quelle che più si avvicinano all’ interpretazione di google salgono nelle serp. Non resta che rielaborare alcune parti del proprio contenuto principale in modo da renderlo più interessante agli occhi dei motori di ricerca, sottoponendolo prima di pubblicarlo ai legali.

Per chi vuole andare ad intercettare long tail keywords molto precise è consigliato aprire una sezione news, o un blog, in modo da utilizzare il content marketing per generare traffico sui singoli intenti di ricerca.

Link building

Grandi istituti bancari o assicurazioni, hanno un grande bacino di link in ingresso molto qualificati e di alto livello, dovuti in gran parte a sponsorizzazioni, e comunicati stampa. Per incrementare la visibilità nelle serp più competitive non resta che puntare sulle digital pr, articoli di prodotto, su riviste online di settore inserendo esclusivamente l’url a fine pagina con link verso il prodotto specifico. Dovrebbero bastarne pochi ma qualificati per ottenere risultati soddisfacenti e duraturi.
Per gli istituti bancari o assicurativi che hanno pochi link in ingresso si dovrebbe procedere al miglioramento della link reputation attraverso pubbliredazionali, articoli su riviste di settore, sponsorizzazioni.

 

Post Correlati